Cobbler ai mirtilli rossi

Lo scorso weekend gita in montagna e escursione nei boschi. Funghi nemmeno l'ombra, del resto era pure pomeriggio, ma che cosa ho trovato? Questi mirtilli rossi! ultimi della stagione. Bellissimi e profumatissimi, rossi e brillanti come il sole al tramonto! Cosa creare? Mi è subito venuto in mente questo dolce, tipico anglosassone, che unisce la croccantezza della pasta frolla sbriciolata alla morbidezza dei frutti ed è stato subito un ottimo connubio. Il nome cobbler deriva proprio dalla superficie di questo dolce, che ricorda appunto la ruvidità dei ciottoli. L'acidità dei mirtilli rossi si è ben bilanciata con la fragranza dell'impasto e un tocco di crema. Questo meraviglioso dolce è perfetto per la colazione ma non solo, se le porzioni sono più ridotte, può essere anche un ottimo dopo pasto. Provare per credere!!

Ingredienti per il ripieno:

Gr. 500 Mirtilli rossi
Nr. 1 Arancia non trattata il succo
Gr. 60 Zucchero semolato

Ingredienti per il cobbler:

Gr. 85 Burro freddo a cubetti
Gr. 200 Farina autolievitante
Gr. 100 Zucchero di canna morbido
Gr. 150 Latte intero
Nr. 1 Pizzico di sale
Gr. 30 Zucchero di canna

Procedimento:

Lavare e curare i mirtilli rossi. Asciugarli e inserirli in una ciotola capiente con il succo di arancia e lo zucchero. Mescolare e tenere da parte.
In una planetaria, inserire il burro con lo zucchero di canna morbido e mescolare a bassa velocità per qualche istante. Aggiungere la farina, il sale e continuare a mescolare lentamente. Aggiungere quindi il latte un po' alla volta fino a quando l'impasto sarà morbido e spumoso, ma non liquido!
Preparare delle cocotte ed inserire i mirtilli rossi sul fondo riempiendole per 3/4. Coprire la sommità con dei ciuffi di impasto fino a coprire tutti i mirtilli. Spolverare con lo zucchero di canna rimasto e infornare alla temperatura di 180°C per circa 45 minuti o fino a completa doratura. Sfornare e lasciare raffreddare. Decorare con mirtilli freschi e a piacere con della crema pasticcera.

commenti sul blog forniti da Disqus