Fregula con tonno

Quest’anno le mie vacanze le farò nel nord Europa, ma prima di scoprire le arti culinarie di quelle zone, voglio “riesumare” un bel ricordo di una vacanza di qualche anno fa nella stupenda terra Sarda. Durante una bucolica cena in un vecchio rustico, scoperto per caso nell’entroterra, immerso nelle colline e nella natura, ho potuto gustare e provare diversi piatti tipici cucinati dal contadino e dalla sua calorosa famiglia per i tanti turisti che si avventurano in quella zona. È stata un’esperienza eccezionale che mi ha fatto scoprire la parte autentica e tradizionale della Sardegna! È proprio da questo bel ricordo che ho portato con me questa gustosa ricetta che voglio condividere con voi: la tipica e particolare pasta lavorata a mano... la Fregula con tonno fresco! Nel frattempo invio un saluto a tutti gli amici della meravigliosa Sardegna!!

Vediamo allora, come preparare questa ricetta tipica sarda: la fregula. Questa pasta piccola è formata da palline di semola di grano duro e acqua, lavorate dalle mani sapienti delle donne sarde che portano avanti questa tradizione e tostate poi in forno per donare il tipico sapore che le caratterizza. La fregula ricorda anche il cous cous da cui probabilmente, grazie alle varie "incursioni" storiche, ha forse qualche legame. Vediamo insieme come procedere per gustare questo meraviglioso piatto:

Ingredienti:

Gr. 380 Fregula

Gr. 60 Olive nere

Gr. 30 capperi

Gr. 50 Pecorino

Gr. 250 Tonno

Gr. 60 Olive verdi

Gr. 40 Olio di oliva

Nr. 1 Scorza di limone

Sale q.b.

Procedimento:

Tritare grossolanamente i capperi e le olive. Inserire il tutto in una terrina e condire con l'olio.

Cuocere la fregula per 8 minuti in acqua bollente salata. Nel frattempo, cuocere in padella il tonno con un po' di olio, facendolo rosolare da ambo i lati per pochi istanti in modo che rimanga rosa all'interno, aggiustare di sale. Quando la fregula sarà pronta, scolarla e unirla agli altri ingredienti mescolando bene. Tagliare quindi il tonno a listarelle.

Servire nei piatti decorando con il pecorino grattugiato, la scorza del limone, qualche ciuffetto di prezzemolo e il tonno a listarelle.

commenti sul blog forniti da Disqus